Era il 1596, sotto il pontificato di Sisto V, le maggiori autorità dell'Urbe, riunite in Campidoglio, deliberarono di scorporare la Città Leonina, fino ad allora parte del rione Ponte, e farne il quattordicesimo rione di Roma:

 


BORGHIGIANO

So' borghigiano, so': nun ero nato
che bazzicavo già dentro Palazzo
mi' Padre me ce messe da regazzo
e, grazziaddio, ciò sempre lavorato.

Pe' faticà, fratello ho faticato;
da fanello ero sverto com'un razzo;
ma da un ber pezzo in qua, nun me strapazzo,
perché sò vecchio e m'hanno giubbilato.

Bazzico er Vaticano tutt'er giorno,
conosco er Papa, sò li fatti sui
e de queli magnoni che cià intorno.

Pe' me, insino che dura è ‘na cuccagna;
ma nun sia mai me se morisse lui,
lo Possino scannà: come se magna?

Gigi Zanazzo (1860-1911)


(C) Libreria Borgo - Roma Via del Falco, 35 - tel 06/68.64.771

(C) Librum - software per l'editoria